Riviste e quotidiani: aumenta sempre di più la differenza tra Ticino e Italia

30 giugno 2014 Prodotto precedente Prodotto successivo

L’ultima rilevazione, fatta tra il 9 e il 13 giugno 2014, evidenzia un dato sconfortante per il nostro Cantone. Nel confronto con l’Italia, lo scarto in due anni non ha fatto che aumentare a scapito dei consumatori, passando dal 104% del giugno 2012 al 124% di oggi. Il valore globale dei 26 articoli che sono sempre stati trovati dall’inizio dei rilevamenti  è aumentato quasi del 4% in Ticino mentre è calato del 2% in Italia. In tutti gli altri casi, invece, la situazione è ben differente: in due anni lo scarto si è ridotto, passando dal 69% al 55% nel paragone tra Romandia e Francia e dal 61% al 49% in quello tra Svizzera tedesca e Germania. Minima, per contro la variazione, nel confronto Svizzera tedesca-Austria, con un calo dal 43% al 41%.

Scheda giornali (giugno 2014)

Comunicato stampa (30 giugno 2014)